The other side of the world

Probabilmente ne avevo già parlato altrove o in precedenza.
Tra le cose che più mi riempiono il cuore è ricevere un abbraccio arrivando in aeroporto, da parte di qualcuno che ti aspetta.
Ti giri e ti accorgi di non aver qualcuno lì “solo per te”. Ma un sorriso ti viene strappato comunque girando semplicemente lo sguardo… forse è davvero questo l’importante.

1. Panino con panelle: mission completed.
2. Granita da “Colicchia”: mission completed.
3. Brioche con gelato: mission completed (with gold medal!).
4. Arancina di riso: mission completed.
5. Busiate: mission completed (with gold medal!).
6. Pani cunzatu: mission completed.

7. Aver rivisto la mia cuginetta perfetta. Non ha prezzo.

Annunci

Informazioni su marcoangels

«Sono sempre stato il maestro di me stesso.. ..e devo confessare che sono sempre stato anche il mio allievo preferito.»
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a The other side of the world

  1. Simona ha detto:

    Credo in poche cose.., ma negli abbracci sì! A presto Marco 🙂

  2. Mi è capitato solo una volta. La ricordo ancora. La rivoglio ancora.
    In genere i miei ritorni sono da sola, nessuno che attende, mentre guardo gli abbracci degli altri.
    Forse preferisco partire, è più facile che fare ritorno.

    • marcoangels ha detto:

      In realtà credo che un abbraccio ci sia sempre da qualche parte. E’ solo che molto spesso i tempi non coincidono… Qualunque sia la motivazione per cui questo non accade so che il tempo gioca sporco contro noi stessi.

I commenti sono chiusi.