I libri si offendono quando vengono dati in prestito; perciò spesso non ritornano.

Non avendo scritto nulla il 23 Aprile, in occasione della «Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’autore», mi sono dato da fare e ho acquistato numerosi libri, in modo che questi mi possano accompagnare nelle attese, nei momenti liberi, nello stress, nei vuoti mentali, nella rabbia…
E’ una fuga, lo ammetto. Ma in un luogo dove chiunque possa trovarmi facilmente.

«Vorrei avere nella mia casa: una donna ragionevole, un gatto che passi tra i libri, degli amici in ogni stagione senza i quali non posso vivere.» [cit. Guillaume Apollinaire]
Annunci

Informazioni su marcoangels

«Sono sempre stato il maestro di me stesso.. ..e devo confessare che sono sempre stato anche il mio allievo preferito.»
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

9 risposte a I libri si offendono quando vengono dati in prestito; perciò spesso non ritornano.

  1. miononnoincarriola ha detto:

    I libri non ti abbandonano mai.
    Se te li scegli come amici, poi, ancora meglio.
    Poi in tempo di crisi, quando non posso viaggiare leggo.
    Probabilmente il libro che ho prestato a D. si è offeso, perché vuole proprio rimanere là.

  2. ilgattosyl ha detto:

    Ottima scelta. Il libro è come l’oro, un bene rifugio per i momenti difficili.
    Comunque se serve “un gatto che passi tra i libri”…eccomi! 😉

  3. Simona ha detto:

    Sai Marco mi hai dato un’idea.. di leggermi un buon libro, ultimamente ho trascurato la lettura 😉 Buona serata 🙂

I commenti sono chiusi.