silenzio

Una domenica buia.
Come si spegne il cervello?
Leggevo che quando si hanno troppe cose da dire, troppi pensieri da elaborare o esternare, l’unico modo spesso è restare in silenzio.
Ma il silenzio riguarda solo e soltanto la voce. Come è possibile mettere ordine alla mente?
Io conosco le soluzioni.
Innanzitutto comincio con il fare “silenzio”.
Annunci

Informazioni su marcoangels

«Sono sempre stato il maestro di me stesso.. ..e devo confessare che sono sempre stato anche il mio allievo preferito.»
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

24 risposte a silenzio

  1. Vivo spesso nel silenzio esterno, incapace di far tacere il mio mondo interiore. A volte lo anestetizzo, con comportamenti che mi allontanano dal pensiero, ma forse anche da ciò che sono sul serio.

    Non so, non ho trovato la soluzione.

    • marcoangels ha detto:

      Forse hai ragione. Pensare fa parte di noi e di quello che siamo.

      • Laila83k2 ha detto:

        …’spegnere il cervello’…pura utopia…magari fosse possibile…purtroppo ci si ritrova il più delle volte a pensare, riflettere…cercare di capire ed interpretare gesti e/o parole…dare un senso, un significato…una motivazione…l’unica soluzione credo potrebbe essere il ‘vivere’ di più , affrontando , a muso duro, ogni singola paura, incomprensione, dubbio…stare lì, senza più ‘arrovellarsi’il cervello ma chiedendo e chiarendo direttamente con la nostra ‘fonte’ di dubbio e/o preoccupazione…vivere ‘alla giornata’…senza più cercare di immaginarsi/progettarsi il futuro costruendolo nella nostra mente ancor prima che nella nostra realtà..toccherebbe insomma cambiare in toto modo di vedere le cose…di pensare…di vivere appunto…ma…per sognatori come te…cm me…credi davvero sia possibile???io qualche dubbio ce l’ho… per cui…non resta che…’tappare’ questi momenti con svaghi di ogni sorta…fatti solo per’non pensare’…seppur in minima parte…però quantomeno, in quei pochi minuti, tutto appare lontano anni luce…tutto appare ‘semplice’…meno aggrovigliato così tanto nella nostra vita… 😉

  2. moon83 ha detto:

    E’ vero.. quando ci sono troppe cose da dire, troppi pensieri da esternare spesso si sceglie di tacere del tutto. Forse perchè è più semplice, o perchè vorremmo dare a tutti la stessa importanza, lo stesso spazio per sfogarsi, essere ascoltati.
    La soluzione per mettere a tacere i pensieri dall’interno?
    Mi sfugge… se la trovi fammi sapere 🙂

  3. Bunny ha detto:

    Il silenzio delle parole è facile ma implica il raddoppiamento dei pensieri…quindi poi risulta inutile se sono proprio i pensieri da mettere a tacere o mettere in ordine.
    Secondo me per mettere a tacere la mente basta pensarci una volta per tutte! ^^ a me rende tutto più facile… 🙂 smk

  4. marcoangels ha detto:

    Proverò a seguire il tuo consiglio piccola Bu. Grazie!

  5. tantopercantare ha detto:

    Capita anche a me, da un po’ URLO!

  6. gabry ha detto:

    mmmm qui c’è qualcosa che non va….

    • marcoangels ha detto:

      C’è sempre qualcosa che gira nella nostra mente come una trottola. Hai visto il film “Inception”? Non sai mai se quella trottola si fermerà o meno, in modo tale da arrivare ad una conclusione. Però a volte penso (ricorsivo?) che il nostro pensiero ci mantiene vivi, nel senso che in un modo o nell’altro stiamo realmente vivendo un’emozione. Può essere?

      • gabry ha detto:

        si, ma ci sono certe emozioni che fanno male…

        • marcoangels ha detto:

          Sono d’accordo. Ma continuo a pensare, forse erroneamente, che una qualsiasi emozione è meglio di una totale apatia. Lo so, è un pensiero estremizzato. Bisognerebbe trovare il giusto equilibrio. E sarà per quello che, provenendo un po’ dalla filosofia zen e dalla meditazione, preferisco il silenzio. =)

  7. STELLA ha detto:

    Enjoy the silence!!!

  8. alessia86chan ha detto:

    Per me non sempre va bene il silenzio.. anzi a volte è sbagliato.. si ci sono momenti in cui le parole non servono è vero, ma perchè parlano per te altri sensi, ma se si ha qualcosa di grande dentro è meglio trovare il modo di esternarlo..
    Sarà che ho perso una persona cara e vorrei dirle così tante cose che sarebbe il silenzio ad ascoltare noi e non il contrario!

  9. marcoangels ha detto:

    Benvenuta Alessia. Grazie per il commento. Concordo con te. In tutto. Mi rispecchio molto nel fatto del silenzio appoggiato dalle “parole” degli altri sensi. E’ quello che mi capita più spesso di quanto tu possa immaginare. Sarà il mio carattere principale credo. Mi spiace molto per quel che ti è accaduto. Spero di non arrivare mai a tanto =( Un abbraccio! E grazie.

  10. Che ne pensi di tornare alla parola? È un po’ che non scrivi…

  11. Monica ha detto:

    BELLISSIMA … Pura ragione .. il silenzio è l’inzio ………… 😉

I commenti sono chiusi.