time

Ognuno di noi ha il proprio tempo.
 
Un tempo per fare. Uno per dire.
Un tempo per essere presenti. Uno per non esserci più.
Un tempo per essere qualcuno. Uno per non essere più nessuno.
Un tempo per ascoltare. Uno per parlare.
Un tempo per stare in silenzio mano nella mano. Uno per per stare in silenzio. Soli.
C’è un tempo per sognare. Uno per restare appesi alla realtà terrena.
C’è un tempo per sorridere. E un tempo per soffrire.
C’è un tempo per essere "due". E un tempo per essere "uno".
C’è un tempo per essere "molti". E uno per essere "pochi".
C’è un tempo per combattere. E un tempo per arrendersi.
C’è un tempo per tutto. E uno per niente.
 
Ognuno dovrebbe essere padrone del proprio tempo, sapere quando essere, fare o dire, ascoltare o parlare, sorridere o soffrire, combattere o arrendersi o vincere. E invece spesso non siamo padroni di niente. Il tempo ci sfugge di mano, via sotto i nostri occhi non ci rendiamo conto del cambiamento. Non è più tempo per fare l’una, ma, senza volerlo, è tempo per l’altra. Senza poter reagire, facciamo il nostro tempo.
Ma non è nostro.
Hai fatto il "tuo" tempo.
Vai avanti… ce n’è un altro che ti aspetta.
Annunci

Informazioni su marcoangels

«Sono sempre stato il maestro di me stesso.. ..e devo confessare che sono sempre stato anche il mio allievo preferito.»
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

6 risposte a time

  1. Anna Maria ha detto:

    Ciao Marco!
    bell\’intervento..°_°
    ma non pensi che il fatto che il tempo ci sfugga di mano..è ciò che rende la vita di ognuno particolare e diversa?
    Te lo immagini che noia se in ogni momento sapessimo come doverci comportare, cosa dover fare, cosa dover dire?
    E gli errori come si commetterebbero?
    Come si crescerebbe, come si diverrebbe ciò che siamo?
    Se il tempo non mi fosse sfuggito di mano sin dall\’inizio, probabilmente ora non sarei qua a dire queste cose, probabilmente le penserei in modo completamente differente e probabilmente non sarei io, ma un\’altra persona, del tutto simile, ma completamente diversa..
    Se potessimo capire sempre come agire, quando "parlare" o "ascoltare", non ci sarebbero mai problemi e difficoltà, non ci sarebbe dinamismo nella vita, nulla di inaspettato, perchè avremo già tutto nelle nostre mani e allora? Allora diverrebbe pesante e inutile vivere.
    Invece la vita, si dice, è bella perchè non puoi decidere come deve andare, ed è proprio vero 😀
    A presto amico lontano!

  2. Matto ha detto:

    Siamo noi che aspettiamo il tempo, o lui che aspetta noi?

  3. Marco ha detto:

    Nessuno aspetta nessuno credo. Ci capitiamo dentro senza rendercene conto. E ciò provoca in noi una serie di reazioni, di sensazioni, che possono essere tanto positive quanto negative. Eppure, per definizione, il tempo passa e le cose, molto spesso, mutano! E via ancora di reazioni, emozioni e sensazioni che possono essere anche molto opposte alle prime. Non siamo padroni del tempo, e il tempo non è il nostro padrone. Passa solo di qua. Dobbiamo solo sperare che faccia meno danni possibile.

  4. Giulia ha detto:

    consiglio Quattro stracci di Guccini

  5. Lara ha detto:

    Io interpreterei il tutto in modo diverso: ogni persona è fatta a suo modo e ha tempi diversi, bisogna solo aver tempo per capire come è fatta una persona, tutto qui. La pazienza è una qualità sempre più rara oggi. Un bacio

  6. Monica ha detto:

    Ricordo che una volta mi dissi che puoi svegliarti anche molto presto all’alba, ma il tuo destino si è svegliato mezz’ora prima di te … già!!!!! Molte volte non possiamo fare niente per evitere certi eventi .. l’importante è avere la forza di affrontarli e svegliarsi la mattina con la voglia di cambiamento …..

    Bacio

I commenti sono chiusi.